OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TUSCIA

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TUSCIA

Nome Ufficiale

Olio extravergine di oliva Tuscia DOP

Provincia

Viterbo

Area di Produzione

Acquapendente (VT), Bagnoregio (VT), Barbarano Romano (VT), Bassano Romano (VT), Bassano in Teverina (VT), Blera (VT), Bolsena (VT), Bomarzo (VT), Calcata (VT), Canepina (VT), Capodimonte (VT), Capranica (VT), Caprarola (VT), Carbognano (VT), Castel Sant'Elia (VT), Castiglione in Teverina (VT), Celleno (VT), Civita Castellana (VT), Civitella d'Agliano (VT), Corchiano (VT), Fabrica di Roma (VT), Faleria (VT), Gallese (VT), Gradoli (VT), Graffignano (VT), Grotte di Castro (VT), Latera (VT), Lubriano (VT), Marta (VT), Montalto di Castro (VT), Montefiascone (VT), Monte Romano (VT), Nepi (VT), Oriolo Romano (VT), Orte (VT), Piansano (VT), Proceno (VT), Ronciglione (VT), Villa San Giovanni in Tuscia (VT), San Lorenzo Nuovo (VT), Soriano nel Cimino (VT), Sutri (VT), Tarquinia (VT), Tuscania (VT), Valentano (VT), Vallerano (VT), Vasanello (VT), Vejano (VT), Vetralla (VT), Vignanello (VT), Viterbo (VT), Vitorchiano (VT).

Storia e Tradizione

In origine il territorio della Tuscia, oggi corrispondente alla provincia di Viterbo, era compreso nell'Etruria, detta in latino «Hetruria» o «Aetruria» dai suoi abitanti, detti Etruschi o Etrurii.

Gli abitanti della Tuscia erano dediti, tra l'altro, alla coltivazione dell'olivo ed alla produzione dell'olio di oliva, come è dimostrato da dipinti rinvenuti nelle tombe etrusche e da noccioli di olive ritrovati in alcuni reperti archeologici dell’Etruria meridionale.

Caratteristiche

L'olio extravergine di oliva Tuscia è prodotto dalle olive delle varietà Frantoio, Caninese e Leccino, presenti per almeno il 90%, da sole o congiuntamente, nei singoli oliveti, è ammessa la presenza negli oliveti, in percentuale massima del 10 %, di altre varietà. Le forme di allevamento più diffuse, sono il vaso cespugliato, la forma Y, il monocono, il cono rovescio mentre, negli oliveti promiscui, sono il vaso policonico ed il vaso libero. La raccolta non deve eccedere lo stadio fenologico di invaiatura superficiale dell'epicarpo e comunque non si protrae oltre il 20 dicembre per le cultivars precoci (Leccino, Frantoio, Maurino, Pendolino, ecc.) e non oltre il 15 gennaio per le cultivars tardive (Caninese, Moraiolo, ecc.). L'olio presenta colore verde smeraldo con riflessi dorati, odore fruttato, sapore di fruttato medio con equilibrato retrogusto di amaro e piccante, acidità massima totale espressa in acido oleico, in peso, non eccedente 0,5 g per 100 g di olio.

Condividi sui social network

 

Se vuoi contribuire a far conoscere il tuo territorio e le sue eccellenze questo è il “luogo” migliore per farlo.

Segnala un evento, una ricetta, un prodotto o un luogo, attraverso parole, video e foto.





 

  Ricordami su questo computer

 

 

Seguici su...

 

facebook-64x64 linkedin-64x64 flickr-64x64
youtube-64x64 google-64x64

rss-64x64