OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SABINA

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SABINA

Nome Ufficiale

Olio extravergine di oliva Sabina DOP

Provincia

Roma Rieti

Area di Produzione

Castelnuovo di Farfa (RI), Collevecchio (RI), Configni (RI), Cottanello (RI), Fara in Sabina (RI), Forano (RI), Frasso Sabino (RI), Magliano Sabina (RI), Mompeo (RI), Montasola (RI), Montebuono (RI), Monteleone Sabino (RI), Montenero Sabino (RI), Montopoli di Sabina (RI), Poggio Catino (RI), Poggio Mirteto (RI), Poggio Moiano (RI), Poggio Nativo (RI), Poggio San Lorenzo (RI), Roccantica (RI), Salisano (RI), Scandriglia (RI), Selci (RI), Stimigliano (RI), Tarano (RI), Toffia (RI), Torricella in Sabina (RI), Torri in Sabina (RI), Vacone (RI), Guidonia Montecelio (RM), Marcellina (RM), Mentana (RM), Monteflavio (RM), Montelibretti (RM), Monterotondo (RM), Montorio Romano (RM), Moricone (RM), Nerola (RM), Palombara Sabina (RM), San Polo dei Cavalieri (RM), Sant'Angelo Romano (RM), Cantalupo in Sabina (RI), Casaprota (RI), Casperia (RI).

Storia e Tradizione

La coltivazione dell’olivo nel territorio della Sabina risale a circa 2000 anni fa come testimoniato dalla presenza, in località Canneto, dell’olivo più antico d’Europa e dal ritrovamento di semi di olive durante gli scavi dell'antica città Sabina di Curas.

Nelle opere dei Georgici, Catone, Orazio, Columella, è scritto come l'olivo risplendesse in Sabina, sin da tempi antichissimi. Nel "Regesto Farnese", conservato presso l'Abbazia di Farfa in Sabina, sono descritti la storia della coltura, gli inizi dell'espansione razionale dell'olivo e i periodi di decadenza e ripresa della coltivazione, legati all'alternanza di invasioni e di pace o di mutamenti nelle condizioni sociali della zona.

Caratteristiche

L'olio extra vergine di oliva della Sabina è ottenuto dalle seguenti varietà di olive: Carboncella, Leccino, Raja, Frantoio, Moraiolo, Olivastrone, Salviana, Olivago e Rosciola per almeno il 75%.

La raccolta delle olive viene effettuata a partire dall'inizio dell'invaiatura, generalmente non oltre il mese di dicembre.

L'olio presenta un colore giallo oro con sfumature sul verde ed un odore fruttato, il gusto è vellutato, uniforme, aromatico, dolce e amaro.

L'acidità massima totale espressa in acido oleico, in peso, non è superiore a 0,7 g per 100 g di olio.

Condividi sui social network

 

Se vuoi contribuire a far conoscere il tuo territorio e le sue eccellenze questo è il “luogo” migliore per farlo.

Segnala un evento, una ricetta, un prodotto o un luogo, attraverso parole, video e foto.





 

  Ricordami su questo computer

 

 

Seguici su...

 

facebook-64x64 linkedin-64x64 flickr-64x64
youtube-64x64 google-64x64

rss-64x64