ALICI MARINATE

ALICI MARINATE

Nome Ufficiale

Alici Marinate

Provincia

Latina

Periodo di disponibilità

Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre

Area di Produzione

Gaeta (LT) Fondi (LT) Formia (LT) Terracina (LT)

Tipologia di produzione

Attiva

Storia e Tradizione

Ricordate negli antichi Statuti della città, le alici marinate trovano conferma in un lavoro del 1890, di Domenico Giordano, dal titolo "Ittiologia del Golfo di Gaeta" in cui si parla di "alice in bianco" riconducibile al colore che la carne di alici assume col passaggio in aceto e sale.

 

La tecnica di conservazione è molto antica e risale ai tempi dei Greci che ricorrevano alla marinatura e alla salatura del pesce per conservarlo a lungo. La ricchezza del prodotto fresco nel mare di Gaeta è abbondantemente documentata da fonti di ogni tipo ed epoca, una fra tutte la Statistica del Regno di Napoli del 1811, voluta dal Murat, in cui si dice che in Gaeta si mangia tutto di mare, in particolare si mangiano acciughe e sardine delle quali si è molto accresciuto il commercio in Gaeta.

Caratteristiche

La materia prima deriva dalla alici della specie Engraulis encrasicolus L (ai sensi del DM del 25 luglio 2005) pescate nel tratto di mar Tirreno che bagna la costa laziale da San Felice Circeo a Minturno fino anche alle coste Campane.

 

Il filetto delle alici sottoposte alla marinatura assumono colore biancastro e consistenza compatta, il sapore è sapido e leggermente acidulo. La conservazione avviene sott'olio con aggiunta di peperoncino e prezzemolo.

Condividi sui social network

 

Se vuoi contribuire a far conoscere il tuo territorio e le sue eccellenze questo è il “luogo” migliore per farlo.

Segnala un evento, una ricetta, un prodotto o un luogo, attraverso parole, video e foto.





 

  Ricordami su questo computer

 

 

Seguici su...

 

facebook-64x64 linkedin-64x64 flickr-64x64
youtube-64x64 google-64x64

rss-64x64